ROAMING

EVENTS

CONCEPT

TEXTS

INFO

Transition. A private matter

Andy Boot

08 05 2010
Vyšehradská 26, Prague (CZ)

Gallery
Collection (one), 2010, found wood, fabric, string, tape, 135 à— 210 à— 95 cm
Collection (one), 2010, found wood, fabric, string, tape, 135 à— 210 à— 95 cm
Dachgeschoss (one — two), 2009—10, oil on paper
Collection (one), 2010, found wood, fabric, string, tape, 135 à— 210 à— 95 cm
Collection (one), 2010, found wood, fabric, string, tape, 135 à— 210 à— 95 cm
5 foot 1, 2010, plastic sheeting and painters tape, 170 à— 1000 à— 100 cm
Andy Boot lavora sul concetto di paesaggio, un termine ampio in cui ricade ogni tipo di spazio: sia fisico che virtuale. Il rapporto con lo spazio è fondamentale per Boot, che lo misura, lo prova, lo sperimenta, analizzando il rapporto che noi abbiamo con esso. Cercando legami tra differenti spazi, tra i luoghi e le persone, le sue opere, sempre site specific, nascono con l'intento di dare uno strumento di comprensione dello spazio.
In occasione di Roaming, ha studiato una serie di installazioni per l'attico di via Vyšehradská 26 trasfigurandolo. In 5 foot 1 ha realizzato un tunnel trasparente, da iconografia "spaziale", creando nello spettatore l'impressione di entrare in un luogo altro, come se fosse il collegamento con un'altra dimensione. Poco importa se si conosce il riferimento video-musicale dell'operazione: il video per l'omonima canzone di Iggie Pop, ora visibile su You Tube; un altro spazio, un altro paesaggio con cui l'artista ci connette a nostra insaputa.
In fondo al corridoio—tunnel si intravede un'altra installazione, Collection (one), creata appositamente per la breve durata dell'evento, volutamente transitoria, "in-between", costruita con i materiali di scarto del precendente cantiere dell'edificio. Un oggetto tra l'azione e il funzionale, sempre in bilico tra ciò che potrebbe essere e ciò che non è.
Come le opere collocate nell'ultima stanza, Dachgeschoss (one - two), appunto soffitta in tedesco, attico, dove dei collage su carta propongono una riflessione sulla pittura e sulla definizione del concetto di spazio abitativo.
2010 ROAMING. HETEROTOPIAS , Musée Cantonal Des Beaux-Arts, Lausanne; NAK BENEFIZAUKTION, Neuer Aachener Kunstverein, Aachen, ANDY BOOT, DAVID BURTON, Croy Nielsen, Berlin; ROAMING. TRANSITION, A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Prague; ANDY BOOT, VERONIKA GAHMEL, SCHAULAGER, Galerie Amer Abbas, Vienna; SUNDAY, Croy Nielsen at Sunday Fair, Berlin; APRIL, APRIL, Clockwork Gallery, Berlin; BERLIN-PARIS, Marcelle Alix, Paris; RUNDGANG, Akademie der bildenden künste, Vienna / 2009 SCULPTURE BY THE SEA, Sydney; HINTER, Croy Nielsen, Berlin / 2008 PASSWORT, Kunsttempel, Kassel; NETZWERKE, Intervention, Ybbsitz Marktplatz, Ybbsitz; STUDIO OPENING PARTY / UNTITLED, Atelier Rondo, Graz / 2007 HELL RAISER, Autopsy Gallery, Melbourne / 2006 DRAWING SHOW I, G&A Studio's, Sydney / 2005 MOSMAN YOUTH ART PRIZE, SCULPTURE, Mosman Art Gallery, Sydney

www.andyboot.com