ROAMING

EVENTS

CONCEPT

TEXTS

INFO

Superficie incerta

Lidia Sanvito

30 05 2010
CeSAC-Filatoio, Caraglio

Gallery
Atto di forza, 2010, gommapiuma e pvc, 145 x 80 x 20 cm
Atto di forza, 2010, gommapiuma e pvc, 145 x 80 x 20 cm
Atto di forza, 2010, gommapiuma e pvc, 145 x 80 x 20 cm
Lidia Sanvito presenta una nuova installazione, appositamente progettata per questa mostra. I solidi compatti, realizzati in materiali plastici (spesso polimeri artificiali), che caratterizzano la recente ricerca dell'artista, vengono in questa scultura ridefiniti grazie all'inserimento di un elemento aggiuntivo. La superficie, integra e icastica del parallelepipedo è così spezzata, dilatata, tesa grazie all'inserimento di uno spigolo d'aria, capace di aprire e tenderne le parti. Una tensione, questa, che permette alla forme di sostenersi grazie ad un'energia segreta, potenziale, che è la vera anima dell'opera.
2010 BURN BREATHE, Otto Zoo, Milano; ROAMING. SUPERFICIE INCERTA, CeSAC-Filatoio, Caraglio 2009 / WORDLESS, Galerija DKSG, Belgrado; ROAMING. CANTIERI, neon>campobase, Bologna; PLAYLIST, neon>campobase, Bologna / 2008 LIDIA SANVITO, TRILOGIA SULLA SCULTURA, Mars, Milano; CELLULAR, Souterrain Project Space, Berlin; PREMIO FONDAZIONE ARNALDO POMODORO, Milano; IL RIMEDIO PERFETTO, Galleria Riccardo Crespi, Milano / 2007 GO TO HELL, MONEY!, Denkraum Galerie, Vienna; DEAD END, LeRoy Neiman Gallery, Columbia University, New York; CALMA APPARENTE, Fondazione Ambrosetti, Palazzolo sull'Oglio / 2006 MULTIPLO_4, N.O. Gallery, Milano; SCHWARZENBERG'SCHEN MEIEREI, Schrattenberg; LA TORTA DELLA SPOSA, galleria Klerkx, Milano / 2005 TALK TO THE CITY, Fabbrica del Vapore, Milano / 2004 NEON PROJECTBOX EXTENDED, Galleria Neon, Bologna