ROAMING

EVENTS

CONCEPT

TEXTS

INFO

Transition. A private matter

Luca Scarabelli

08 05 2010
Vyšehradská 26, Prague (CZ)

Gallery
Alessandro Castiglioni (alias) presenta "Ghost 370 gr." ai suoi amici, 2010, sfera di marmo bianco + Alessandro Castiglioni (alias)

Una quasi eternità , 2010, 999 pezzi di puzzle con l'immagine del planisfero politico, collocato a terra a formare un mucchietto: manca il pezzo con la città  di Praha.
Vegetali Ignoti book, 2010, libro d'arte collocato in un interstizio tra muro e pavimento


Vegetali Ignoti book, 2010, libro d'arte collocato in un interstizio tra muro e pavimento
Una quasi eternità , 2010, 999 pezzi di puzzle con l'immagine del planisfero politico, collocato a terra a formare un mucchietto: manca il pezzo con la città  di Praha.


Una carta da parati come paesaggio, 2010, foglio di carta da parati

Una quasi eternità , 2010, 999 pezzi di puzzle con l'immagine del planisfero politico, collocato a terra a formare un mucchietto: manca il pezzo con la città  di Praha.
Vegetali Ignoti book, 2010, libro d'arte collocato in un interstizio tra muro e pavimento


Vegetali Ignoti book, 2010, libro d'arte collocato in un interstizio tra muro e pavimento
4500 anni luce, 2010, pagina di rivista scientifica con intervento collocata in un interstizio tra muro e pavimento

Per questo appuntamento Luca Scarabelli, oltre che l'ormai abituale Ghost 370 gr. (la sfera di marmo bianco che Alessandro Castiglioni presenta ai suoi amici o a chi vuole lui, durante l'allestimento o l'inaugurazione della mostra) presentata con la variazione dell'alias (quando Alessandro Castiglioni non è presente fisicamente nell'unico giorno della mostra di Roaming ma c'è ghost da presentare agli amici, è sostituito da una persona scelta a caso nel gruppo dei presenti, ma è sempre lui che si impossessa medianicamente del corpo del prescelto), interviene con calibrate e minime presenze all'interno delle stanze a lui assegnate.
Microinterventi e cose a terra, in basso, da guardare o meglio da cogliere con l'appercezione dall'alto. Come la pagina della rivista scientifica con un enigmatico buco sull'immagine delle stelle inserita tra il pavimento e il muro, o come il libro di Vegetali Ignoti (una sottile presenza autobiografica) che ci dicono poco più di quello che sono, o ancora il paesaggio sui generis, minimale e decorativo realizzato con la carta da parati, ornato da una miriade di punti verdi, tanti come i pezzi del puzzle che sempre a terra, forma un mucchietto dai toni azzurri. E il puzzle, momento perfetto di ricostruzione di una realtà  inutile, porta con sé una mancanza, una tessera assente che non ne permetterà  mai la conclusione. Ancora una volta un "paesaggio" semplice ma complesso in divenire, incompleto, come il "ritratto" in fieri di un curatore fantasma.


Ghost 370 gr. è una sfera di marmo bianco che Alessandro Castiglioni presenta ai suoi amici o a chi vuole lui, durante l'allestimento o l'inaugurazione della mostra. Di solito Ghost 370 gr. è nella tasca dei pantaloni o in quella della giacca, in attesa. Il lavoro predispone attraverso la documentazione fotografica della presentazione, eseguita da Luca Scarabelli o dal fotografo invitato a leggere la mostra, un ritratto nel tempo del giovane e dinamico curatore che si attua durante il periodo della durata del progetto Roaming, registrando nella contingenza la sua presenza e i suoi cambiamenti fisici coincidenti con le varie tappe del progetto espositivo.
(Nota sulla presenza dell'alias: quando Alessandro Castiglioni non è presente fisicamente nell'unico giorno della mostra di Roaming ma c'è ghost da presentare agli amici, è sostituito da una persona scelta a caso nel gruppo dei presenti, ma è sempre lui che si impossessa medianicamente del corpo del prescelto).
2013 DIALOGOS SECONDO, MACT/CACT, Bellinzona; ROAMING. ON FILE, Platforma MNAC-Anexe, Bucharest; SURPLACE, CRAC, Cremona / 2012 EXCUSE MY DUST, Srisa Gallery, Firenze; NOTMADEKNOW, Riss(e), Varese / 2011 FANGO, Mars, Milano; PROCESSO DI CRIPTAZIONE E ASTRAZIONE ESOTERICA, Spazio 12, Barasso; IN PRINCIPIO Chiostri Bramanteschi, Università Cattolica, Milano; CARTOGRAFIA DI UN PAESAGGIO SOSPESO, Castello di Jerago; ROAMING. SIGNIFICATI POSSIBILI, Riso, Museo d'Arte Contemporanea della Sicilia, PPS/Meetings, Palermo / 2010 ROAMING. HETEROTOPIAS , Musée Cantonal Des Beaux-Arts, Lausanne; ROAMING.OFF-CELLS: PRACTICES OF NO VISION, Museo d'Arte Contemporanea Villa Croce, Genova; ROAMING.THE ABSENCE OF EVERYTHING, Forum Stadpark, Graz; ROAMING. TRANSITION, A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Prague; CABINET DE REGARD: AIUOLE D'ATTESA, Castello di Jerago; ROAMING. IF SPACE MEANT NOTHING, Condotto C, Roma / 2009 ROAMING. STREAMING TIME, 91mQ Art Project Space, Berlin; IL RESTO DEL TEMPO, Castello di Jerago; ROAMING. FILOSOFIA DELLE PICCOLE COSE, La Rada Spazio per l'Arte Contemporanea, Locarno / 2008 UN BEL POSTO PER DIMENTICARE, Spazio Arte Contemporanea, Buttrio; ROAMING. TAPIS VOLANT, Musée de Saint Denis, Parigi; ROAMING. REPETITA IUVANT, Assab One, Milano; ROAMING. START UP, Officine Creative, Barasso / 2008 BICYCLE RACE ON THE MOON, Galleria Maria Cilena, Milano / 2006 COME QUANDO FUORI PIOVE, Villa Scalabrino, Mozzate; / 2003 PASSI SPARSI, Amste contemporary art, Lissone / 2000 Museo d'Arte Contemporanea Chiostro di Voltorre, Gavirate; FRESCHE DISTRAZIONI SOTTOLINEATE, Galleria Martano, Torino

www.lucascarabelli.it